–> SCARICA QUI IL MANUALE AMIP COMPLETO!

 

Le tue visite dal medico specialista in IP sono molto importanti. Ti consigliamo di utilizzare al meglio il tempo che hai a disposizione durante questi incontri, specialmente se hai dovuto affrontare un lungo viaggio per arrivarci. Se devi sottoporti a molti test ricordati di fornire ai medici tutte le informazioni di cui hanno bisogno per aiutarti. Informali ad esempio di qualsiasi nuovo sintomo: come e quando è iniziato, come sta modificando il tuo sonno, il respiro, le attività giornaliere, l’appetito, la tua vita familiare e lavorativa, etc. Ricordati che l’équipe medica sta dalla tua parte e non è lì per giudicarti. Se ti senti troppo imbarazzato per parlare dei tuoi problemi, scrivi i dettagli su un foglio e chiedi al tuo medico di leggerli prima. Se i dottori usano un linguaggio troppo tecnico e tu hai difficoltà a capirli devi farlo presente, e chiedere loro spiegazioni. Se ti suggeriscono di fare dei test chiedi di spiegarti il perchè; se ti prescrivono dei farmaci, informati sui loro eventuali rischi e sugli effetti collaterali.

Buoni consigli che ti permetteranno di ottenere il massimo dalle tue visite

  • Fai prima una lista di domande e di problemi che vorresti discutere
  • Porta carta e penna per poter annotare i fatti importanti
  • Indossa vestiti larghi che faciliteranno l’esame da parte del medico 
  • Informa il medico su qualsiasi farmaco che stai prendendo 
  • Fatti accompagnare da un familiare o da un amico se vuoi sentirti più tranquillo.

Durante la visita: 

  • Non avere paura di fare domande
  • Se non capisci, chiedi ai medici di ripetere, di spiegarsi, e prendi appunti
  • Se ti prescrivono un farmaco, assicurati di averne capito il motivo, la durata del trattamento, etc.
  • Sii franco. Se hai un problema che trovi imbarazzante o difficile, parlane subito. Ricordati che il tuo problema è probabilmente molto comune per i medici, che sono lì per aiutarti.
  • Se ti vengono richieste ulteriori indagini, informati sul reparto dove fare questi test, chiedi il nome di una persona da contattare e/o il numero di telefono del reparto.
  • Non avere paura di confessare “come ti senti veramente“, dopotutto, solo tu sai esattamente quello che provi. Può passare molto tempo tra un appuntamento e l’altro con la tua équipe di specialisti di riferimento, e durante queste visite ci potranno essere molte cose di cui parlare. Se arrivi puntuale e ben preparato a queste visite, potrai massimizzare il tempo del colloquio. Se hai un diario dove spieghi i tuoi sintomi e/o la tua terapia, dove descrivi la tua salute sia mentale che fisica, sintomi specifici, eventuali reazioni ai trattamenti e problemi riscontrati, portalo alla visita. Questo ti permetterà di non dimenticare o confondere i problemi, e sarà senz’altro molto utile sia per te che per il tuo gruppo medico di riferimento. Ricordati che puoi sempre contattare qualcuno della tua équipe di specialisti in IP, anche al di fuori della visita clinica: assicurati di avere i loro numeri telefonici, anche quello dell’infermiera specializzata.

Cosa succede se le cose non vanno nel verso giusto, come reclamare

Noi tutti sappiamo che, nonostante gli sforzi migliori e la buona volontà, le cose non sempre vanno nel verso giusto. Questo riguarda qualsiasi aspetto della nostra vita. Nel campo medico, come nelle maggior parte delle situazioni, è meglio sforzarsi di affrontare i problemi quando si presentano, e agire velocemente. Esistono procedure stabilite per i pazienti che hanno dubbi o reclami su qualsiasi aspetto della loro terapia. Noi ti consigliamo, prima di tutto, di discutere delle tue preoccupazioni con gli specialisti: i medici, gli infermieri, i direttori della clinica/ ospedale per vedere sé possibile trovare una soluzione ai tuoi problemi. Nel tuo ospedale esiste, sicuramente, una struttura che ha il compito di capire ed accogliere i problemi ed i reclami dei malati (normalmente si chiama Ufficio Relazioni con il Pubblico –URP). Se hai bisogno di ulteriore assistenza, puoi contattare la nostra associazione e il Tribunale dei Diritti del Malato.